Il progetto si compone di 6 fasi, ognuna delle quali, pur essendo strettamente connessa alle altre, prevede l’utilizzo di metodologie e strumenti specifici.

Fase 1 – Stato dell’arte e quadro teorico e metodologico  

Il quadro teorico si avvarrà della letteratura nazionale e internazionale sulla problematica dell’invecchiamento e dello spopolamento, dei documenti prodotti in seno alla SNAI, di casi studi extra-nazionali legati allo sviluppo rurale e alle idee innovative in questo campo. Dal punto di vista della metodologia di ricerca, si approfondirà la letteratura sull’analisi quantitativa dei dati censuari, sul ricorso al Public Participation Geographic Information System a ad altre metodologie di community mapping.

Fase 2 – Analisi quantitativa dell’evoluzione demografica 

Mira a perfezionare la conoscenza del contesto, attraverso la desktop analysis. Il lavoro confluirà in un report finale sul quadro demografico ed socio-economico dell’area rurale.

3

Fase 3 – Analisi qualitativa delle buone pratiche e risorse (materiali e immateriali) 

Si intende promuovere un processo di emersione/identificazione delle risorse materiali e immateriali e delle buone pratiche del territorio, attraverso la partecipazione e il coinvolgimento degli individui e delle comunità. La raccolta dati e la collaborazione con le comunità locali verrà supportata da stakeholder e partner. Il processo sarà ciclico e ogni fase partecipativa verrà alternata a una fase di ricerca in remoto. Questa combinazione di ricerca da remoto, ricerca sul campo, raccolta dati individuali (questionario e interviste) e collettivi (focus group e assemblee di comunità), condurrà al prodotto finale di una mappa di comunità, prodotta dalla comunità stessa.  

Le mappe di comunità forniranno un’immagine autentica delle risorse e buone pratiche, ma anche delle necessità locali, consentendo lo scambio di conoscenze e visioni del territorio durante alcuni focus group tematici.

Fase 4 – GAP Analysis 

L’intento è quello di individuare il divario esistente tra la reale situazione demografica, socio-culturale ed economica e le potenzialità e opportunità del territorio secondo la percezione della comunità locale. L’analisi  demografica e socio-economica e la cartografia partecipativa sono strumenti di analisi, identificazione, comunicazione e valorizzazione dei patrimoni identitari delle aree interne. L’interpolazione dei risultati delle analisi quantitativa e qualitativa è un valore aggiunto. 

Fase 5 – Linee guida e raccomandazioni 

Mediante la collaborazione con gli stakeholder, i risultati della ricerca saranno tradotti in linee guida e raccomandazioni condivise con Unioni dei Comuni Montani (partner) e con il Comitato Tecnico Aree Interne. L’obiettivo è di evidenziare delle strategie che si possono mettere in atto in zone rurali caratterizzate da spopolamento e invecchiamento demografico per contribuire a frenare tali processi.

Fase 6 – Comunicazione e divulgazione 

Il progetto intende sviluppare unefficiente strategia  di divulgazione a largo raggio del progetto, delle sue basi scientifiche e dei suoi risultati. 

Per quanto riguarda le comunità locali, tramite l’Unione dei Comuni Montani, saranno organizzati dei momenti di comunicazione dei risultati, evidenziando sia l’analisi quantitativa sia quella qualitativa. Sono inoltre previsti successivi incontri  per divulgare i risultati alla fine del progetto.